Vivere a Malaga

In quale città d’Italia vivevi prima di trasferirti a Malaga?

Sono nata ad Alessandria. Ho vissuto li i primi anni della mia vita, poi ci siamo trasferiti a Valle San Bartolomeo, un piccolo paese della stessa provincia.

Quando hai deciso di trasferirti definitivamente?

Ero una ragazzina, avevo 21 anni. Decisi di trasferirmi a Málaga per seguire il mio cuore. Mi innamorai di un ragazzo malagueño che conobbi proprio ad Alessandria.

Quali sono state le reazioni dei tuoi familiari davanti a tale scelta?

Ovviamente, i miei genitori e il resto della famiglia non sono stati contenti all’inizio. Infatti, non ebbi neppure il coraggio di dirlo a parole. Il mio carattere introverso mi ha spinto a scrivere una lettera, per poi parlarne piú tranquillamente a fatti esposti. Noi siamo sempre stati molto uniti e sono consapevole che questa decisione ha fatto soffrire molte persone, anche se la loro reazione é sempre stata positiva e non hanno mai smesso di appoggiarmi, a prescindere dall’etá che avessi.

Hai trovato molte difficoltà ad adattarti al nuovo stile di vita?

Se lo stile di vita migliora, é sempre facile adattarsi. Non sto parlando di benessere economico, ma di uno stile di vita migliore. La gente qui ti fa sentire a casa, tutti sono gentili. La loro filosofia di vivere la vita al momento, godendosi i piccoli piaceri di ogni giorno, fa si che sia un po’ piú facile raggiungere un equilibrio esistenziale. Nessuno ti giudica per come vesti, parli o mangi, qui ci si sente un po’ piú liberi e non condizionati cosí tanto dal materialismo.

Hai trovato molte difficoltà ad apprendere la lingua diversa?

All’inizio mi sentivo sola e “diversa” in mezzo a un gruppo di gente. Tutti ridevano ed io lo facevo senza sapere il perché. Peró, poi, grazie ad un corso intensivo di lingua spagnola all’Universitá di Málaga, sono riuscita a superare i primi ostacoli, iniziando a parlare senza aver piú paura di sbagliare, migliorando nettamente giorno per giorno.

Per quale motivo hai deciso di lasciare l’Italia?

Senza aver conosciuto Javier, non credo mi sarei mai mossa dalla mia cittá. Avevo tutto: una famiglia che mi adorava, un buon lavoro, le mie passioni a portata di mano, ecc… o credevo di averlo. L’amore fa miracoli.

Da quanti anni vivi a Malaga?

Sono arrivata a Malaga ad aprile del 2004. Quest’anno sono 7 anni.

Vivere a Malaga

Che attività svolgi?

Lavoro come impiegata in un’azienda privata che si occupa dei controlli sanitari sullo stato di salute dei lavoratori (tipo INPS – INAIL).

E che lavoro svolgevi in Italia?

In Italia, lavoravo nella redazione di una famosa guida gastronomica.

Quali erano le tue aspirazioni e i tuoi progetti al momento del trasferimento?

In realtá l’unico progetto che avevo in mente, era il motivo per il quale stavo mollando tutto, cioè poter stare con il mio ragazzo, cercando di raggiungere la felicitá e una vita stabile. Non é facile avere le idee chiare in un momento cosí triste come quello in cui si abbandonano tutto e tutti, ma il desiderio di iniziare una nuova vita con la persona che amavo, mi ha dato coraggio.

Sei riuscita a realizzare ciò che desideravi?

Oggi potrei affermare con piena certezza di si. Ho un buon lavoro, la casa che ho sempre desiderato, un cane, e il 18 giugno mi sposo. Sono felice, anche se continuo a sentire tantissimo la mancanza della mia famiglia. Grazie al cielo, con le nuove tecnologie come internet, riesco a rimanere in contatto con loro giornalmente e ad alleviare un po’ quel vuoto che sempre rimarrá.

Ti senti ancora un po’ italiana?

Mi sento completamente italiana e orgogliosa di esserlo. Saró italiana per sempre, anche quando avró la nazionalitá spagnola. Sono anche fiera del 40% delle mie origine libiche.

Qualche volta desideri tornare in Italia?

Certo. Torno ad Alessandria 3 volte l’anno. Con le compagnie lowcost, é un piacere viaggiare spesso e poter abbracciare le persone care che distano 2.100 Km.