Vivere alle Bahamas: la storia di Giorgia

Da dieci lunghi anni, Giorgia ha deciso di vivere alle Bahamas, insieme a suo marito e ai suoi due figli. Da addestratrice di delfini a chef privato per una famiglia italo-americana, attualmente Giorgia sta cercando di realizzare il suo sogno: aprire sull’isola un’attività in cui sia possibile vendere pasta fresca e prodotti italiani con twist bahamiano. Nel frattempo Giorgia ha aperto il blog www.coccobbello.wordpress.com, uno spazio in cui, oltre ad offrire suggerimenti ai turisti soprattutto italiani, su quel che si deve fare per trascorrere una bella vacanza nelle Bahamas, racconta la sua vita sull’isola e su quello che può offrire, come “la possibilità di reinventarsi, di non doversi chiudere nei canoni della quotidianità, ma avere la possibilità di buttarsi nel cercare di realizzare i propri sogni”.

vivere alle bahamas

Giorgia, raccontaci qualcosa di te:

Vivo su un’isola delle Bahamas che si chiama Harbour Island. Sono venuta alle Bahamas 10 anni fa più o meno con un internship a Dolphin encounter, delfinario di Nassau come addestratrice e poi ho proseguito per il Messico. Ho conosciuto mio marito proprio in delfinario e dopo poco ci siamo sposati sulla spiaggia di Harbour Island (a giorni saranno 10 anni). Adesso abbiamo 2 figli (9 e 6 anni). Abbiamo vissuto in questi 10 anni tra Nassau e Harbour Island. Sfortunatamente qui in Harbour Island (Danmore Town è il nome del paesino sull’isola) non ci sono opportunità  di lavoro con mammiferi marini e quindi dopo aver lavorato anche in Atlantis come addestratrice, mi sono reinventata…

In che senso?

Ho lavorato come chef privato per una famiglia italo americana per 2 anni. Ho imparato a cucinare in realtà quando sono arrivata qui, durante il mio primo anno ho fatto molto fatica, mi sono dovuta abituare a mangiare cose diverse… Per esempio stufato di pesce a colazione! Dopo poco, visto che non potevo lavorare perché stavo aspettando l’approvazione della residenza, la mia cucina è diventata rovente! Ricordo che un giorno presa dalla maliconia mi sono buttata a fare le trofie! Il primo Natale in casa, sembrava di essere in pizzeria…sì, pizza a Natale perchè quando io penso alla pizza penso a mia nonna, e questo mi aiutava a non sentirmi sola! Puoi immaginarti quando dopo anni di cucina a casa mi è stato proposto di lavorare come chef privato…ero spaventatissima, ma in realtà si è dimostrata un’esperienza bellissima!

Vivere alle Bahamas è un sogno

E poi? Dopo due anni cosa è successo?

Ora sto cercando di realizzare il mio sogno: aprire un’attività in cui sia possibile vendere pasta fresca e prodotti italiani con twist bahamiano, proprio qui sull’isola.

Bella idea! Ma non sarà difficile reperire prodotti italiani?

Faccio tutto in casa! La pasta, i sughi, le salse ed ora sto anche cercando di coltivare molte materie prime. L’agricoltura alle Bahamas non è molto sviluppata a causa del clima umido, ma sono tenace e soprattutto mio papà arriverà tra poco e spero che la sua esperienza nell’orto di famiglia faccia miracoli! Il mio sogno è quello di fare anche la mozzarella e il salame in casa..speriamo!